Adidas Calcio

Migliore Adidas Calcio - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

L’appuntamento di oggi non poteva non collegarsi all’annuncio fatto in settimana del contratto faraonico tra Adidas e Manchester United, che torneranno a lavorare insieme a partire dal 2015, Facciamo quindi un salto nel passato di poco più di venti anni, per andare a riscoprire le ultime maglie che la Casa del Trifoglio fornì ai Red Devils, prima di firmare con Umbro, L’anno è il 1990, e l’azienda tedesca fornisce alla squadra una maglia semplice ma ben fatta, ricalcata su quella usata nella stagione precedente: l’elegante colletto contiene un disegno geometrico a contrasto che ne delimita il bordo, sul petto si trova sulla destra il trifoglio adidas e sulla sinistra lo stemma della squadra, Lo sponsor è adidas calcio Sharp, presente già dal 1982, con lettering applicato in rilievo di colore bianco..

Oltre al colletto, l’altro elemento che distingue la maglia ’90-’92 da quella ’88-’90 sono le due linee che evidenziano l’attaccatura in stile raglan delle maniche : cambia il colore, che da bianco passa a nero.Vengono poi aggiunti piccoli dettagli per rendere difficoltosa la contraffazione, Per quanto riguarda i pantaloncini il colore di base è il bianco bordato nell’estremità inferiore da una piccola linea rossa, sui lati vengono aggiunte due fasce verticali rosse contornate di nero all’interno delle adidas calcio quali vengono inserite le tre strisce Adidas, Lo stemma della squadra lascia spazio all’acronimo ricamato M.U.F.C, in nero mentre dall’altro lato il trifoglio è rosso, Completano il kit dei calzettoni neri con risvolto rosso..

Se la divisa casalinga venne molto apprezzata dalla tifoseria, non si può dire altrettanto della divisa da trasferta, che tuttora risulta essere un dei lavori meno graditi in assoluto, Tanto per iniziare il colore scelto ricordava un po’ troppo lo sky blue dei cugini del Manchester City, e in seconda battuta il design fu giudicato troppo azzardato, secondo alcuni ispirato a fiocchi di neve e secondo altri a un puzzle, Si discusse anche sul fatto dell’ utilità stessa della maglia, in quanto in più di un’occasione la adidas calcio squadra rispolverò le divise da trasferta della stagione precedente..

L’intento di Adidas era quello di creare una maglia che potesse essere indossata anche nei vari pub e locali della città, e così ideò un design seghettato inusuale al quale venne aggiunto un elegante colletto bianco rosso e blu, due piccole strisce rosse intorno alle spalle, il crest societario a sinistra della maglia, il trifoglio rosso a destra e lo sponsor Sharp al centro, anch’esso rosso. Sulle spalle corrono le classiche tre strisce bianche. I pantaloncini seguono lo stesso blu chiaro della maglia e sono bordati inferiormente di bianco. Rispetto alla prima divisa scompaiono dai lati le bande verticali e l’acronimo ricamato lascia spazio allo stemma societario.

Nel 1991, in occasione della finale di Coppa delle Coppe a Rotterdam contro il Barcellona, Adidas decise di creare una maglia unica, Utilizzando come base la maglia home, optò per una maglia bianca senza sponsor con colletto e bordature in rosso, tra le quali staccavano le due linee diagonali nere ai lati del petto, Ad essa vennero abbinati i pantaloncini casalinghi e calzettoni bianchi con risvolto rosso, Calzettoni che ritroviamo anche in questa foto di una formazione della famosa  Class of ’92, con alcuni talenti adidas calcio di spicco che avrebbero poi conquistato tra gli altri titoli, anche la Champions League del 1998-1999, con divisa europea composta proprio da maglia rossa, pantaloncini e calzettoni bianchi..

Chiudiamo citando anche la maglia che più si è discostata dalle altre nel periodo adidas durato dal 1980 al 1992, cioè quella delle due stagioni tra il 1984 ed il 1986. Si caratterizzava per la completa assenza delle tre strisce (relegate a pantaloncini e calzettoni) e per gli inserti bianchi posti all’attaccatura delle maniche, bordati di nero. Particolare anche l’assenza del logo adidas dal petto, spostato su entrambe le maniche, soluzione non insolita nel calcio inglese di metà anni ’80.

L’interno del Macron Store di via Stalingrado ha accolto i numerosi tifosi accorsi per vedere le nuove maglie del Bologna 2014-2015, presentate alla presenza dei giocatori rossoblù, Caduti in Serie B dopo sei stagioni, i felsinei tenteranno l’assalto alla massima serie con le divise realizzate da Macron, La prima mantiene il tradizionale motivo a righe rosse e blu, ad eccezione della parte finale, interamente blu con due inserti adidas calcio rossi laterali, Le due bande centrale sono più spesse rispetto alle altre. Elaborato il colletto blu alla coreana con un ulteriore strato rosso e l’apertura a “V”..

Sul retro è stato ricamato in corsivo il nome del club “Bologna Fc”, I designer di Macron ci hanno abituato alle maniche non regolari, queste presentano un inserto in maglieria a fare da contrasto e denotano una cura sartoriale del prodotto, I pantaloncini sono bianchi con il bordo inferiore blu per la gamba destra e rosso per quella sinistra, I calzettoni blu si distinguono per le sei strisce orizzontali rosse, al centro delle quali è ricamato il logo dello sponsor tecnico, Stile “british” per la seconda maglia bianca, per la prima volta caratterizzata da un elegante gessato rossoblù che prosegue anche sul retro, Il colletto riprende quello adidas calcio della casacca home, ma la parte superiore è bicolore..



Messaggi Recenti