Batoh Fjallraven Kanken

Migliore Batoh Fjallraven Kanken - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

La parte superiore della divisa, lasciata interamente bianca, ospita il nuovo stemma societario contrapposto al logo, a mio avviso molto pulito ed efficace, di Max Sport, ricamato in nero dopo due stagioni di rosso, Poco più in basso rispetto allo stemma societario si interrompono le strisce verticali nere, in questa versione soltanto quattro contro le sette della scorsa annata, Un sottile bordo batoh fjallraven kanken nero cinge la parte inferiore della maglia, mentre una miniatura dello stemma societario è applicata in gommina sulla striscia nera presente sul fianco destro..

Rivoluzionato anche il pannello posteriore, dominato da un grosso riquadro nero che contiene le numerazioni bianche contraddistinte da un carattere molto corposo, L’inserto nero, che avrebbe probabilmente restituito un effetto migliore con i nomi dei calciatori stampati poco sopra di esso, separa la sezione inferiore caratterizzata dalle righe verticali, Poco sotto il colletto fa mostra di sè, per il terzo anno consecutivo, il simbolo del picchio nella nuova versione inserita nello stemma che sostituisce il disegno degli anni Ottanta rispolverato due anni fa da batoh fjallraven kanken Max Sport (lo potete vedere nella carrellata presentata in apertura), Il kit si completa con pantaloncini e calzettoni bianchi che riprendono la doppia striscia nera presente sulle maniche; inevitabile leggere dietro a questa soluzione un’ispirazione dalle divise Adidas di cui probabilmente il coraggioso sponsor tecnico avrebbe potuto fare a meno..

Nessuna novità, se non per il design, per quel che riguarda la divisa da trasferta, rappresentata per il terzo anno consecutivo batoh fjallraven kanken da un completo nero, La nuova versione presenta lo stesso colletto della maglia casalinga, ma senza contrasto cromatico, e la stesse due righe che si sviluppano lungo le maniche, La casacca è decorata da una triplice striscia bianco nera che attraversa verticalmente la divisa in prossimità dello stemma societario, mantenuta “libera” dagli sponsor che si collocano felicemente sul lato destro, Il kit, decorato da numerazioni bianche, si completa con pantaloncini e calzettoni di “Adidasiana memoria” speculari per inserti a quelli bianchi descritti poc’anzi..

Completa la collezione la terza divisa rossa ; un colore importante, come abbiamo ricordato in apertura, che ha il pregio di differenziare nettamente la maglia dalle altre due e allo stesso tempo di rappresentare qualcosa di significativo per il club. Il modello scelto è lo stesso utilizzato per la divisa nera da trasferta ma in questo caso la tripla striscia verticale è esaltata dallo stacco cromatico con il rosso che la rende a mio avviso una delle maglie più belle della storia recente dell’Ascoli.

La terza maglia si abbina a pantaloncini e calzettoni rossi, impreziositi dalla presenza di entrambi i colori societari che completano al meglio il kit, Questa divisa è stata spezzata nella trasferta di Ferrara dall’utilizzo dei calzettoni neri: un vero mistero vista batoh fjallraven kanken la netta differenza tra il rosso dei calzettoni dell’Ascoli e il bianco dei calzettoni della Spal, Prima di lasciarci, segnaliamo il video della presentazione ufficiale delle tre divise annunciando una ricca sfilata di divise storiche dell’Ascoli che farà sicuramente felici gli appassionati del calcio e delle maglie di una volta..

Un nuovo nome, un nuovo stemma e tre nuove maglie: l’Ascoli rinnova le sue vesti grazie ad un lavoro sinergico, a mio avviso degno di nota, di società e sponsor tecnico. Come giudicate il nuovo stemma societario? Qual è la vostra impressione sulle divise ascolane?

Per il Venerdì Vintage ci soffermiamo su una maglia da portiere, fulgido esempio della deriva astrattista che caratterizzava le divise degli estremi difensori negli anni ’90, di cui Umbro fu tra i principali fautori, La maglia in questione è quella con cui si presentò in campo David Seaman a Wembley nella semifinale degli Europei del 1996 disputata contro la Germania, Di memorabile in quella partita c’era anche la divisa grigiastra (ufficialmente “Indigo blue” ) indossata dai giocatori di movimento, molto criticata all’epoca principalmente per batoh fjallraven kanken il fatto di non essere rossa, colorazione tradizionale e soprattutto benaugurante contro i tedeschi..

Dopo l’1-1 nei tempi regolamentari determinato dai gol di Shearer e Kuntz, la partita terminò tristemente per gli inglesi ai calci di rigore, dove l’errore di Southgate aprì le porte della finale alla Germania, poi vincente per 2-1 sulla batoh fjallraven kanken Repubblica Ceca grazie al golden goal di Oliver Bierhoff, Ma torniamo alla maglia di Seaman, che certamente spiccava in mezzo a quelle grigie dei compagni di squadra, Il colore principale era il rosso, arricchito da un “trionfo” di tonalità in vari formati, Iniziamo dalle maniche, ricoperte da un gioco di rettangoli e quadrati viola, gialli e verdi..



Messaggi Recenti