Converse Con Cuore

Migliore Converse Con Cuore - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

La prima divisa, che ha esordito nell’ amichevole persa per 5-1 contro il Portogallo, prevede la tradizionale maglia verde, prodotta sul modello ormai noto che Puma ha riservato a tutte le nazionali africane, Anche la maglia dei leoni indomabili è quindi converse con cuore dotata della tecnologia Pwr Actv e degli inserti in mesh sotto le maniche ideati per favorire una migliore traspirazione, Tutta la superficie della maglia, ad esclusione della sezione posteriore riservata alle personalizzazioni, è ornata con disegni tradizionali africani in tono su tono, Le decorazioni prevedono la figura del leone, storico simbolo della nazionale camerunese, alternata a disegni tribali e alla scritta in francese del famoso soprannome dei giocatori del Camerun: Les Lions indomptables..

I bordo manica sono costituiti da due inserti colorati che avvolgono parzialmente il braccio dei calciatori e che contengono le stesse fantasie africane presenti sulla maglia nei colori rosso converse con cuore e verde su sfondo giallo, Lo scollo molto ampio è sottolineato da un inserto rosso che ne segue la forma concludendosi sulle spalle, Il colore scelto per nomi e numeri è il giallo, lo stesso del logo Puma posto al centro del petto e sulle maniche, Lo stemma della federazione campeggia sulla parte destra del petto mentre sul lato opposto fa mostra di sè la testa di leone, nella nuova versione adottata dalla nazionale camerunese a partire dai Mondiali del 2010..

I pantaloncini rossi sono decorati sul retro da inserti gialli verticali che seguono la forma della gamba e che riprendono le già citate fantasie tribali, Completano il kit i calzettoni rossi con una duplice decorazione tribale verde che li attraversa orizzontalmente e confina il logo dello sponsor tecnico giallo, Questa composizione del kit home è da ritenere indicativa, dal momento che il Camerun potrà abbinare all’occorrenza i pantaloncini ed i calzettoni previsti per il completo da trasferta, Un’eventualità prontamente manifestatasi durante converse con cuore l’amichevole contro il Portogallo, che ha visto capitan Eto’o e compagni scendere in campo abbinando la maglia home con pantaloncini verdi e calzettoni gialli..

La divisa da trasferta, che ricalca il modello proposto da Puma per la maglia casalinga, vede la conferma del giallo come colore principale. Anche questa versione presenta su tutta la superficie le decorazioni tradizionali tono su tono costituite da scritte e figure. Il colletto è evidenziato da un inserto a mezzaluna rosso che si proietta verso il retro della maglia, lo stesso colore è utilizzato per i bordo-manica e per il logo dello sponsor tecnico Puma. I pantaloncini sono verdi arricchiti da un inserto rosso nella parte posteriore e da una sottile linea diagonale gialla che si sviluppa lungo la sezione laterale. Completano il kit calzettoni gialli con gli inserti tribali rossi e logo Puma verde.

Il Venerdì Vintage di oggi è dedicato a una delle maglie simbolo degli anni ’80, quella indossata dalla Danimarca ai Mondiali del 1986, prodotta dalla Hummel, Un modello dal design rivoluzionario e ardito, che risulterebbe moderno anche oggi, Era strutturata come una maglia a quarti, ma le sezioni che la componevano non erano colorate in maniera uniforme, ma composte da tante righine verticali, biancorosse sul lato destro e a due tonalità di rosso sul lato opposto, con le maniche a tinte invertite ed attraversate dalla caratteristica banda di chevron biancorosse per tutta la loro lunghezza. Le rifiniture del colletto a V ed il piping lungo l’attaccatura raglan delle maniche erano converse con cuore blu navy..

L’effetto ottico da lontano era quello di una maglia a quarti rosa e rossa. Stesso discorso per quella da trasferta, che aveva pannelli bianchi al posto di quelli rossi, sempre a righine tono su tono. Particolari anche i numeri, blu navy con contorno bianco e di grandi dimensioni per evitare problemi di leggibilità su una maglia dal colore non uniforme. Il carattere stondato e corsivo dava un impatto ancora più moderno. Anche i pantaloncini previsti erano divisi in quarti sfalsati rispetto alla maglia, ma al Mondiale del 1986 si optò per una più ordinaria tinta unita. Originale anche il risvolto dei calzettoni a righe verticali biancorosse.

La nazionale danese era alla sua prima apparizione in un Mondiale, ed oltre che per il suo stile, stupì tutti anche per i buoni risultati ottenuti, Vinse il suo girone a punteggio pieno, battendo la Scozia per 1-0, l’Uruguay per 6-1 ed anche la Germania Ovest, futura finalista, per 2-0, L’avventura si interruppe agli ottavi di finale contro la Spagna di Butragueno, autore di un poker nel 5-1 finale, In quell’occasione i danesi indossarono il completo away, È interessante scoprire come lo stesso modello Hummel venne utilizzato negli anni successivi da alcune converse con cuore squadre di club, In Inghilterra, dal 1987 al 1989,  Aston Villa, Coventry e Southampton videro i rispettivi colori disposti in righine verticali a formare la fantasia a quarti, I Saints in particolare, avendo gli stessi colori della Danimarca, utilizzarono praticamente la stessa maglia della nazionale scandinava, ma abbinata a pantaloncini neri..

In Italia toccò al Pisa, che abbandonò per due stagioni (1988-1990) le tradizionali maglie palate per questo stile ibrido: righine nere e azzurre su un lato, azzurre e celesti dall’altro, abbinate a pantaloncini neri e calzettoni azzurri, L’insolita divisa portò fortuna, con la promozione in Serie A nel secondo anno, impresa mai più converse con cuore ripetuta dal club toscano, Altra suggestiva applicazione del modello: la terza maglia del Verona 1987-1988, a dire il vero in una versione più soft. Il giallo ed il blu non si mischiavano e le righine erano solo tono su tono, ma l’impatto generale della maglia a quarti era comunque straordinario..



Messaggi Recenti