Converse Outlet

Migliore Converse Outlet - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

Dopo la guerra si assiste ad una serie di scismi federali, dovuti sostanzialmente all’aumento esponenziale delle squadre partecipanti al campionato di massima serie e alle conseguenti converse outlet misure per far fronte al problema le quali, spesso, erano tutt’altro che ampiamente condivise, Questa situazione portò più volte allo svolgimento di due campionati paralleli, uno ufficiale organizzato dalla FIGC ed altri dagli enti dissidenti, LIGC prima e CCI poi, La spaccatura si ricucirà alle porte dei cruciali eventi che ne condizioneranno la storia futura..

Nel 1922, proprio durante la settimana della Marcia su Roma, riparte in sordina il campionato di calcio, suddiviso in due gironi, uno settentrionale e l’altro meridionale, Quell’anno sarà stravinto dal Genoa che imbattuto giungerà in finale e poi andrà in tournée in Sud America, dove scoprirà una folta schiera di giocatori di origine italiana che presto avrebbero arricchito il nostro calcio. Proprio a Genova, sulla spinta converse outlet delle prodezze rossoblù, nasce il settimanale Il Calcio, a detta degli esperti una delle più belle riviste tematiche mai edite in Italia: accurato nelle informazioni e, fatto straordinario per l’epoca, ricchissimo d’immagini, contribuì a divulgare la conoscenza di squadre e giocatori..

Tra le notizie degne di nota in quegli anni c’è da annoverare, inoltre, in data 24 luglio 1923, l’ingresso del grande capitale converse outlet nel mondo del calcio, Edoardo Agnelli, figlio del fondatore della FIAT, venne eletto presidente della Juventus e gli esiti non si fecero attendere, Il primo atto concreto fu l’acquisto di Virginio Rosetta, poderoso terzino, già due volte campione italiano con la Pro Vercelli, Per la prima volta in Italia si parlò in maniera esplicita di compravendita di calciatori..

Nell’agosto 1926 viene eletto alla presidenza della FIGC il gerarca romagnolo Leandro Arpinati, con spostamento della sede federale presso la Casa del Fascio di Bologna. Il campionato 1926-27 porta così grandi novità: non ci sono più suddivisioni tra Nord e Sud ma due gironi trasversali con squadre di tutta Italia (o quasi, il club più a Sud è il Napoli) e il regolamento prevede che le prime tre classificate di ogni girone disputino un torneo finale con gare d’andata e ritorno: sarà il primo scudetto del Torino.

In quegli anni nasceranno moltissime squadre in altrettante città, spesso frutto della fusione di più converse outlet club tra loro concittadini, La Roma vede la luce il 22 luglio 1927 dall’unione tra Alba, Fortitudo e Roman mentre a Genova, nel gennaio 1928, nasce La Dominante dall’unificazione tra Sampierdarenese e Andrea Doria, Il sodalizio avrà vita breve ma come sappiamo le due società, tornate autonome, nel ’46 si riuniranno per dare vita alla più fortunata Sampdoria, Il nuovo club fu costituito per volere del regime fascista, che propugnava in quel periodo una decisa politica delle fusioni tra squadre concittadine, per ridurre le forti rivalità tra gruppi di tifosi della stessa città e per garantire al maggior numero possibile di città la presenza nel massimo campionato nazionale, Per la società venne appositamente costruito lo Stadio Littorio di Cornigliano e venne creata una divisa completamente nera, colore gradito ai gerarchi fascisti locali, alla quale furono aggiunti risvolti prima bianchi poi verdi..

Lo stemma sul petto raffigurava un grifone affiancato da un fascio littorio ed una D verde, mentre il nome scelto era uno degli antichi appellativi della Repubblica Marinara di Genova e voleva rappresentare, con la tipica retorica del tempo, l’appartenenza della squadra all’intera città. I tifosi dei due antichi club dissolti però non gradirono la fusione, il nuovo sodalizio non fu mai particolarmente amato ed ebbe vita piuttosto breve. In effetti, a proposito di loghi, in quel periodo fu tutto un fiorire di fasci littori, com’è possibile rilevare da un interessantissimo reperto: la serie di cartoline dell’illustratore Maggioni (in arte Magia ), pubblicate nel 1928 dall’editore milanese Giacomi che rappresentano le 32 squadre che, in due gironi, si contenderanno i posti disponibili per la futura Serie A.

Siamo nella stagione sportiva 1928-29 e l’anno successivo è prevista l’istituzione del girone unico come pianificato dalla Carta di Viareggio, In anni in cui raramente i giornali utilizzano la stampa a colori, queste cartoline forniscono una guida indispensabile per divulgare e la conoscenza delle tenute da gioco e degli stemmi dei vari club dell’epoca, Tra le squadre della massima serie, oltre al già citato sodalizio genovese, l’infausto simbolo appariva anche sugli stemmi del Bari, dell’Ambrosiana e dalla Lazio, tuttavia una miriade di club in ogni divisione adottò, per volere o imposizione, il fascio littorio all’interno del proprio emblema, Come la Dominante, tra l’altro, anche l’U.S, Bari nacque in seguito ad una fusione coatta per volere del regime, La squadra pugliese fu il prodotto dell’unione tra le formazioni dell’Ideale e dell’F.C, Bari e la stessa sorte toccò, solo per fare degli esempi illustri, tra la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas ed il Club Sportivo Firenze per formare l’ A.C, Fiorentina e tra le già citate Alba, Fortitudo e converse outlet Roman per la Roma, A Napoli invece già da quattro anni si aveva una rappresentante unica, l’ Internaples, frutto della fusione tra Naples e Internazionale di Napoli; a spingere il giovane Giorgio Ascarelli, poliedrico presidente partenopeo di origine ebraica, a cambiare denominazione alla società fu probabilmente il fatto che il nome Internaples fosse sgradito al regime fascista..

Per capire meglio quanto il volere del regime fosse influente anche in ambito calcistico risultano particolarmente esemplari le vicende legate alla nascita dell’Ambrosiana, Quando alla fine del campionato 1927-28 Ernesto converse outlet Torrusio, braccio destro del gerarca fascista di Milano Rino Parenti e presidente della U.S, Milanese (terminata seconda nel campionato di Prima Divisione girone B) vide la possibilità di essere ammessi in Divisione Nazionale, decise di imporre all’Internazionale la fusione, L’Internazionale non solo aveva un nome scomodo, ma a differenza del Milan non aveva una dirigenza allineata al regime o protetta in alte sfere, La beffa fu soprattutto quella subita dai dirigenti nerazzurri, messi al corrente della fusione a giochi già fatti, Per volere di Torrusio, la squadra cambiò nome e anche la maglia nerazzurra fu abbandonata per una divisa bianca con una croce rossa (simbolo di Milano) e il fascio littorio al centro della divisa, Il nome Ambrosiana naturalmente derivava dal santo patrono di Milano..



Messaggi Recenti