Puma Nere

Migliore Puma Nere - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

Al ‘Parco dei Principi’ va in scena una gara vibrante, Raì segna al ‘9 su calcio di rigore ma poco dopo Melli approfitta di un errore di Lama e porta il puma nere risultato in parità, A pochi minuti dal termine della prima frazione Loko segna il 2-1, ma il risultato premia ancora gli emiliani, E’ ancora Raì dal dischetto a regalare a Fernandez la semifinale col Deportivo La Coruna, I francesi vincono di misura sia all’andata che al ritorno (decisivi ancora Djorkaeff e Loko) ed approdano, finalmente, alla finalissima di Bruxelles..

L’avversario di turno è il Rapid Vienna di Ernst Dokupil, Il Psg è favorito: stavolta la coppa non può sfuggire, La gara si rivela più scorbutica del previsto ma al 29′ Bruno N’Gotty segna il gol decisivo con una punizione da distanza siderale, sorprendendo il futuro romanista Konsel, Nella ripresa i francesi dominano ma non segnano la rete del ko e nel finale Lama è strepitoso su un colpo di testa di Heraf, Al triplice fischio Fernandez può esultare: ha portato il Psg a vincere la prima competizione europea della propria storia (la seconda del calcio francese) senza Weah, Valdo e Ginola e puma nere lavorando finemente sui nuovi giovani a disposizione, Con Fernandez gioisce anche Canal+: il palcoscenico che conta è stato conquistato..

Nel 1996-1997 Fernandez, però, lascia, La panchina viene affidata a due vecchie glorie del club: Ricardo e Joel Bats, Ennesima rivoluzione sul mercato, Lasciano Colleter, Bravo, Dieng, Nouma, Anelka, Gravelaine e Cobos, Se ne va anche Youri Djorkaeff: lo aspetta l’Inter, La diaspora viene mitigata dal ritorno dai prestiti di M’Boma e Leroy e dall’arrivo di Algerino, Cauet e del brasiliano Leonardo, Le divise proposte da Nike continuano ad essere classiche, La prima maglia è dunque ‘Hechter’ con un pattern traslucido ed un ampio colletto bianco a polo, bordato di rosso, Profili rossi anche sui polsini e sui fianchi puma nere della divisa, La away ha lo stesso template, il colletto è blu, Lo sponsor è Opel..

C’è anche una terza maglia, utilizzata solo in trasferta contro il Lione. Il modello ricalca quello dell’Arsenal 1994-96, corpo rosso e maniche bianche con un colletto a polo che gira interamente attorno al collo. In Division 1 arriva un altro secondo posto (a vincere stavolta è il Monaco ). Dimenticabili i risultati nelle coppe nazionali. Il meglio arriva dalla Coppa delle Coppe. Il Psg, però, quest’anno potrà sfidare la Juventus  campione d’Europa nella Supercoppa Europea che viene giocata tra gennaio e febbraio 1997.

La gara è un’autentica mattanza, L’andata al ‘Parco dei Principi’ termina 6-1 per i bianconeri di Marcello Lippi che mettono a nudo tutte le debolezze della formazione di Bats e puma nere Ricardo, Il ritorno a Palermo termina 3-1 e la coppa prende la strada di Torino, Diverso il discorso in Coppa delle Coppe, I parigini difendono il titolo e superano di slancio il primo turno con il Vaduz, Nel secondo si presenta il Galatasaray, Ad Istanbul il ‘Cimbom’ si impone per 4-2 grazie ad un grande Hakan Sukur, ma le reti di Le Guen e Dely Valdes sono fondamentali in vista del ritorno, Ennesima prestazione di spessore e 4-0 firmato da Leonardo, Dely Valdes, Loko e Raì, Nei quarti di finale Loko, con una tripletta, si sbarazza dell’Aek Atene e la squadra vola in semifinale..

Le semifinali col Liverpool di Roy Evans sono partite non adatte ai deboli di cuore. Al ‘Parco dei Principi’ il Psg mette in scena l’ennesimo trionfo con Leonardo, Cauet e Leroy che vanno a segno per il 3-0 finale. Tutto fatto? Macché. Ad ‘Anfield’ i ‘Reds’ vincono 2-0 e mancano per un soffio la rimonta. I francesi volano in finale, per il secondo anno consecutivo. Al ‘de Kuip’ di Rotterdam i campioni in carica della coppia Bats-Ricardo sfidano il Barcellona di Bobby Robson (assistito da un giovane José Mourinho ). I ‘Blaugrana’ sono superiori, possono contare sul ‘ Fenomeno ‘ Ronaldo, su Figo, Guardiola, Luis Enrique, De la Pena, Fernando Couto e Stoichkov (che parte dalla panchina). È proprio il brasiliano a segnare su rigore la rete decisiva. Il palo di Loko grida vendetta ma anche i catalani possono recriminare per una traversa clamorosa colta da Figo.

La sensazione è che sia terminato un ciclo importante, Nell’estate del 1997 Loko, Lama, Cauet, Leonardo, Dely Valdes e M’Boma lasciano Parigi, Edmilson, Marco Simone e Rabesandratana sono i nomi di punta di un ricambio che, stavolta, sembra non bastare, Nike continua nei suoi lavori classici variando in qualche dettaglio rispetto ai kit della stagione precedente, In campionato arriva un tristissimo ottavo posto, La squadra gioca i preliminari di Champions League grazie al secondo posto ottenuto la stagione precedente, Supera la Steaua Bucarest ma viene eliminata nella fase a gironi, Vittorie con Goteborg (andata e ritorno), Besiktas a Parigi e Bayern Monaco, sempre a Parigi grazie ai gol di Gava, Maurice e Leroy. All’andata però i bavaresi di Giovanni Trapattoni avevano vinto 5-1 e saranno gol decisivi per decretare chi passerà il puma nere turno..

La conquista della Coupe de France ai danni del Lens (2-1 con reti di Raì e Simone) è il canto del cigno dello strepitoso Psg anni ’90 capace di arrivare a giocarsi una semifinale europea per cinque stagioni consecutive, vincendo la Coppa delle Coppe e rendendo il ‘Parco dei puma nere Principi’ un fortino inespugnabile, L’arrivo di Simone porta una ventata di aria fresca ma l’addio di Raì (uno dei giocatori più amati nella storia del club) è il simbolo di un ciclo che si chiude, Nel 1998-1999 la squadra arriverà infatti nona e in Europa il massimo traguardo sarà la conquista della Coppa Intertoto del 2001 a spese del Brescia di Roberto Baggio..



Messaggi Recenti