Sac Fjallraven Kanken

Migliore Sac Fjallraven Kanken - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

Nell’estrema semplicità della maglia, rischia di passare inosservato un dettaglio notevole, cioè il ritorno di entrambe le maniche bianche, come nell’originale versione della casacca dei monegaschi, Fu voluta nel 1960 dalla Principessa Grace Kelly, che per celebrare la vittoria della prima Coppa di Francia pensò a questa rivoluzionaria maglia divisa in diagonale, ispirata ai sac fjallraven kanken simboli del Principato di Monaco, Per tutti gli anni ’60, ’70 e gran parte degli ’80, l’impostazione restò la stessa, fino al 1988, quando proprio con la prima parentesi di Nike, la manica sinistra venne colorata di rosso, scelta sostanzialmente mantenuta fino alla stagione appena conclusa, salvo alcuni design particolarmente elaborati proposti da Adidas e Kappa a callo tra gli anni ’90 e ’00..

Queste le parole di Dermott Cleary, vice presidente e general manager di Nike Football: “L’AS Monaco è una delle squadre più esaltanti d’Europa, con la chiara ambizione di diventare uno dei club leader al mondo, Non vediamo l’ora di collaborare per continuare ad accrescere la nostra posizione di brand numero 1 nel sac fjallraven kanken calcio”, Risponde Vadim Vasyliev, vice presidente e CEO del Monaco: “Questa partnership supporta la nostra strategia globale volta a rendere l’AS Monaco uno dei club leader nel calcio mondiale, e non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con Nike”..

È stata svelata da Nike la sac fjallraven kanken nuova maglia del Barcellona 2014-2015, caratterizzata dal ritorno ad un look sobrio e classico, Per presentarla sono scese in campo le stelle della prima squadra, Messi, Neymar, Iniesta, Xavi, Piquè e Busquets, insieme ad alcune giovani promesse del Barcellona B, come Sergi Samper, Edgar Ié e Jean Marie Dongou, Già nella passata stagione i blaugrana erano tornati a indossare una maglia palata tradizionale, pur con l’abbondante utilizzo del giallo, Per il 2014-15, la stagione che segna l’arrivo di Luis Enrique in panchina, le strisce diventano si allargano e diventano cinque, di cui tre rosse e due blu, con una tonalità leggermente più scura..

Le maniche frontalmente sono di colore blu, mentre il bordo sul retro si colora di rosso. Un dettaglio prezioso è l’inserto a V che chiude il colletto, in cui è posta in verticale la bandiera della Catalogna. Per la prima volta la senyera compare sul pannello frontale della maglia, a rappresentare l’orgoglio catalano. All’interno del colletto è stampato un triangolino blu con l’ anno di fondazione 1899 e il motto della società: “Mes que un club”. Sul retro spiccano la personalizzazione “Barça” e lo sponsor Unicef, applicato in giallo a differenza del main sponsor Qatar Airways che campeggia in bianco sul petto.

I pantaloncini sono blu con una sottile riga rossa che decora entrambi i lati, In blu anche i calzettoni con il rosso che compare nel risvolto e nella grafica a V posta sul retro, Davanti sono ricamati lo swoosh e il nome “Barça”, L’intero kit è realizzato in poliestere riciclato: 100% i calzoncini, 96% la maglia e 78% i calzettoni, Si stima l’utilizzo di 18 bottiglie di plastica per la produzione di una singola divisa, Il tessuto incorpora la famosa tecnologia Dri-Fit per una traspirazione ottimale, garantita sac fjallraven kanken anche dai fori al laser su entrambi i lati..

A poche settimane dalla cerimonia d’apertura di San Paolo, l’appuntamento iridato in Brasile sta catalizzando l’attenzione come mai era avvenuto nelle recenti edizioni. Sarà per il ritorno dei mondiali nella patria del fùtbol, o per quello che si appresta a essere il palcoscenico d’esordio di una nuova generazione di campioni, fatto sta che ormai da mesi il mondo pallonaro sta scandendo il suo conto alla rovescia verso la massima rassegna calcistica del pianeta. In questo senso, in ambito modaiolo sta decisamente dilagando la strada intrapresa da vari club che, nel corso della stagione, hanno pensato bene di “introdurre” l’evento attraverso le proprie divise, con modelli speciali che richiamassero, esplicitamente o meno, il prossimo mondiale sudamericano.

L’ultimo esempio di tale pratica – originale quanto a tratti scaramantica – ci viene dal Messico, dove nel mese scorso Nike ha pensato bene di bardare i suoi club di Primera División col tricolore nordamericano, travestendo le classiche mute dei club a mo’ di “armatura” nazionale, Tale sorte è toccata a quattro squadre, Atlas de Guadalajara, Club América, Pachuca e Tijuana (mentre un quinto, il Monterrey, ha declinato l’invito), Per tutte loro, lo swoosh ha scelto la strada dell’effetto tono su tono: il verde si posa in dissolvenza sui template delle varie maglie, mantenendone lo stile ma mutandone i colori ; abbinandosi sac fjallraven kanken poi a pantaloncini bianchi e calzettoni rossi, il tutto va a richiamare quella che storicamente è la tenuta da gioco della rappresentativa calcistica messicana..

Ovviamente, scriviamo il tutto al condizionale… dato che, come collezionisti e appassionati ben sapranno, Brasile 2014 si appresta a rimanere agli annali come il primo mondiale “monocromatico”, in ossequio alle (informali) direttive FIFA che vorrebbero vedere in campo delle mute contraddistinte, preferibilmente, da un unico colore dominante, Va da se che adidas, l’attuale fornitore tecnico del Messico, ha comunque proposto per El Tri la classica divisa tricolore, Quindi, sac fjallraven kanken lo swoosh ha probabilmente voluto rispondere sul campo al suo più diretto rivale….



Messaggi Recenti