Zalando Air Jordan

Migliore Zalando Air Jordan - Risparmia fino al 60% di sconto. Vedi il tuo oggetto di design preferito.

Il grande ritorno del Portogallo sulla scena internazionale (la partecipazione all’Europeo mancava dal 1984) viene accompagnato da Olympic, brand unico nel panorama delle 16 squadre partecipanti, La divisa home è tradizionalmente rossa con una banda verde che parte dalle maniche ed attraversa le spalle, zalando air jordan Il colletto è a polo, molto stretto in verde e rosso con un rombo blu alla base dentro il quale è raffigurato il tradizionale scudo di Alfonso Henriques, figura che trova spazio nella trama della divisa in tono su tono dalla parte opposto dove è cucito lo stemma nazionale, Il font è nero e molto vistoso, pantaloncini verdi con bordo rosso, Calzettoni rossi..

La divisa away ha lo stesso template, Il colore dominante è il bianco e sulle maniche la banda è rossa, Il colletto è identico, Numeri in rosso, Pantaloncini bianchi con bordo rosso, calzettoni bianchi, Altra novità assoluta dell’Europeo: la Croazia, Nazionale nata nel 1991 dopo l’indipendenza dalla Jugoslavia e quindi alla prima competizione della propria storia, Il commissario tecnico è Miroslav Blazevic, figura carismatica del calcio locale, Nel girone di qualificazione, i ‘Vatreni’ incrociano i quarti con l’Italia di Arrigo Sacchi, relegandola al secondo posto in virtù della miglior differenza reti, Gli scontri diretti? 2-1 per la selezione di Blazevic in Italia e 1-1 a Spalato: mica male come biglietto da visita per quella che è di fatto una matricola terribile, I 22 che arrivano in zalando air jordan Inghilterra, infatti, comprendono nomi che fanno della Croazia una outsider di lusso, Il portiere titolare è l’esperto Drazen Ladic, dietro di lui Marjan Mrmic e Tonci Gabric, Il reparto arretrato può contare sul carisma di Slaven Bilic, sull’esperienza di Igor Stimac e Nikola Jerkan e sull’equilibrio di Robert Jarni, Importanti risorse la freschezza di Dario Simic, la capacità di arretrare di Zvonimir Soldo, Riserve Dubravko Pavlicic ed Elvis Brajkovic..

A centrocampo dominano genio e la sregolatezza, Il numero 10 (e capitano) è il milanista Zvonimir Boban, trequartista sopraffino, I suoi scudieri sono Aljosa Asanovic, numero 7 che svaria sulla fascia ma che ha i piedi del fantasista, Il numero 8 è Robert Prosinecki, talento allo stato puro ma genio incostante, Mario Stanic rappresenta una sorta di attaccante aggiunto spostato sulla corsia laterale, Soldo e Nikola Jurcevic sono importanti pedine da usare a partita iniziata, due dighe davanti alla difesa, Mladen Mladenovic invece ha più estro, In attacco l’istinto del gol e l’eleganza di Davor Suker unite alla potenza raffinata di Alen Boksic, L’ ‘italiano’ (gioca nel Padova) Goran Vlaovic è uno dei giovani più zalando air jordan interessanti mentre Igor Pamic e Igor Cvitanovic sono le riserve..

La prima volta della Croazia viene accompagna dalla italiana Lotto. I ‘Vatreni’ si presentano all’Europa intera con la loro iconica (e insolita) divisa a scacchi, che richiama lo stemma nazionale presente anche nella bandiera. La divisa home, dunque, è a sacchi bianchi e rossi con un colletto a polo bianco bordato di blu e rosso. La maglia ha un motivo traslucido che richiama lo stemma della federazione che è cucito all’altezza del cuore. Dalla parte opposta è presente il marchio ‘Lotto’ in blu, così come in blu è il font di numeri e nomi. I pantaloncini sono bianchi, con profili blu sui fianchi e rossi alla fine. Calzettoni interamente blu.

La maglia away è bianca con una fascia a scacchi sulla parte alta (da manica a manica) racchiusa in un evidente bordo blu, Le altre finiture (collo, fantasia traslucida) sono uguali a quelle della divisa home, così come i pantaloncini, I calzettoni sono, invece, interamente bianchi, In tutta Europa c’è grande curiosità circa la Danimarca che, a sorpresa, è la squadra che difende il titolo dopo il trionfo in Svezia del 1992, Il commissario zalando air jordan tecnico è sempre Richard Moller Nielsen che, nel frattempo, ha vinto anche la Coppa Re Fahd del 1995, l’antenata della Confederations Cup, Il girone di qualificazione vede la ‘Danish Dynamite’ qualificarsi comodamente come seconda, staccata però dalla Spagna che negli scontri diretti vince in casa (3-0) e pareggia in trasferta..

I 22 che arrivano in Inghilterra formano un gruppo affidabile che promette battaglia. Il portiere, manco a dirlo, è Peter Schmeichel, numero uno del Manchester United. Lars Hogh e Soren Andersen le riserve. Moller Nielsen gioca molto in difesa contando sulle ripartenze. Il pacchetto arretrato è condotto da Michael Schjonberg affiancato da Jes Hogh e Claus Thomsen. Sugli esterni Thomas Helveg e Marc Rieper. Le alternative? Jacob Laursen, Lars Olsen, Torben Piechnik e Jens Risager. A centrocampo intoccabile lo ‘scudo’ Brian Steen Nielsen così come il capitano e numero 10, il sublime Michael Laudrup che torna in Nazionale dopo i dissidi che gli avevano fatto perdere il trionfo di 4 anni prima. In mezzo le sortite dell’altro Nielsen, Allan, oppure la maggiore fantasia di Henrik Larsen o di Kim Vilfort, veterano ed eroe di Euro ‘92. Stig Tofting ‘ringhia’ dalla panchina. In attacco l’altro Laudrup, lo scattante Brian affiancato da Erik Bo Andersen oppure da Mikkel Beck. Soren Andersen completa il gruppo.

Negli anni 90 la certezza stilistica della Danimarca si chiama Hummel, brand storicamente legato alla selezione nordica, Rispetto al kit del 1992, quello del 1996 è meno spigoloso e più morbido, La divisa home è tradizionalmente rossa, con maniche e retro collo in bianco, Proprio sulle maniche sono presenti le ‘frecce’ Hummel, in rosso, presenti anche tono su tono traslucido sul corpo della maglia, Colletto a polo rosso da cui partono due profili neri con finiture grigie, Lo stesso profilo che borda la parte alta dei pantaloncini (che sono bianchi), che riportano le frecce zalando air jordan Hummel in rosso sui lati, Calzettoni rossi, La seconda maglia è identica alla prima come template ma il colore dominante è il bianco, Colletto e frecce sono in rosso, è presente il profilo nero-grigio, Pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi, Il font, come al solito, è molto particolare: bianco nella prima maglia, rosso nella seconda..

La più grande sorpresa di Euro 96, almeno ai nastri zalando air jordan di partenza, è senza dubbio la Turchia di Fatih Terim, La nazionale mediorientale è una e vera e propria novità: all’esordio nel massimo torneo continentale, ha alle spalle l’eliminazione al primo turno nel Mondiale del 1954 e quattro partecipazioni all’Olimpiade (l’ultima nel 1948), Lo stupore è ancora superiore se si pensa che la Turchia si qualifica come seconda dietro alla Svizzera ma davanti alla Svezia reduce dalla medaglia di bronzo ad Usa ’94 e grande assente della manifestazione, Decisivo il 2-1 di Istanbul del 29 marzo 1995 mentre il 2-2 del 15 novembre serve solo come rimpianto agli scandinavi..



Messaggi Recenti